OMBRADIPETER

BIO ASSOCIATION

Ombradipeter est un collectif d’artistes qui depuis 18 ans promeut une culture alternative aux circuits officiels. Durant toutes ces années, grâce à un réseau de circuits internationaux a réussi à créer de nombreux événements qui ont permis à de nombreux artistes des exhiber.

L’ ombradipeter est également une compagnie de théâtre avec ses performances et création originales c’est produit dans des théâtres et des festivals en Europe et dans de nombreux télévision nationales en Italie et à l’étranger. En Italie a produit et réalise des émissions de télévision et de radio qui traitent de l’art indépendant , Organise , produit et réalise nombreuses exposition artistique en Europe e dans le Monde. De 12 années organise le Malastranafestival de Cascina Pise, Italie et des 13 ans  Italiart Ti amo festival (Bourgogne France-compte ,Fr)de sept année organise Cinevoce semaine du cinéma Italien de Dijon et de Trois saison l’émissions culturelle italienne Il fuoco d’Italia sur radio cultures Dijon.

(Ita)

L’ombradipeter è un movimento artistico che da 17 anni promuove una cultura indipendente al di fuori dal circuito cosi detto ufficiale. L’ombradipeter è un collettivo artistico che si occupa di teatro sperimentale, programmi rodiofonici, esposizioni, festival multidisciplinari e di cinema italiano.

pablo-incita-bella

wojciech-de-j-gaillard

Quelques Lieux d’exibitions :

Teatro Verdi (Pise), Teatro la Pergola (Florence), Teatro di Buti (Buti/italie), Teatro Fara Nume(Rome) Foa (Monza), Fabbrika Europa, Stazione Leopolda (Florence) ,Piccolo Teatro Comico(Turin) Teatro sant Andrea (Pise)Piazza Maggiore (Bologne), Agora (Pise), Bordenline (Pise) , Metarock (Pise) Arezzo Wave (Arezzo), Sonorabilia Fortezza Vecchia (Livourne), On the Road Festival (Pelago , Florence), Teatro Rossi (Pise), Teatro officina delle Arti(Cosenza) , Foa (Monza) , Cascina Torchiera (Milan) No-Art Gallery (Milan) , Cinema Centrale (Milan), Villaggio Globale (Rome) centro sociale (Benevento), Csa (Florence), Teatro Lux(Pise), Parco delle Cascine (Florence), RAI television national Italienne (Tourin)Teatro de Calanchi (Lubrano,Viterbo), Malastranafestival(Cascina,Pise), Teatro Astragali(Lecce), Teatrino dei Fondi(San Miniato, Pise) Sotterranei(Copertino,Lecce)Teatro Comunale(San Nicola,Lecce), Chiostro di Galatina(Galatina,Lecce) Night Wave (Rimini) Festival de San Remo Off (San Remo)Teatro Rebis (Macerata), M.e.i (Faenza), Maya Teatro (Pescara) , Teatro PTU (Cosenza), KPE (Cagliari), teatro Civico (Cagliari),Teatro Umberto(Lamezia Terme),Metarock (Ospedaletto ,Pise) Teatro Sant Andrea(Pise), Teatro del Cestello (Florence)Teatro comunale di santa maria a Monte (Santa Maria a Monte PI) Giardino Scotto (Pise)Per strada Danzando (Fucecchio, Fi), Cortile della Sapienza(Pise) Stazione Leopolda(Pise) Chateau Bayard (Pontcharra, 38) , Théâtre  Champs de Bataille (Angers, 42),Festival Temps des Paroles (Dijon) Théâtre des Feuillants (Dijon 21) Bistrot de la scène (Dijon), Le Tanneries (Dijon) Théâtre El Duende(Ivry-sur-seine 94), Théâtre Jona Kochanowoskiego (Opole, Pologne), II Ozimiska noc Teatralna (Ozimek, Pologne)Csoa Molino ( Lugano, Suisse), Festival Italien de Unna (Unna , Alemagne), Fringe Festival (Ediburgh) Zntrum Fur Internationale linchkunst (Unna) , Puerta del Sol (Madrid), leidseplein (Amsterdaam), Opera de Strasbourg(France) , Theatre dell’Acquaio (Cosenza,Italie), Consulat d’Italie à Marseille .

Projets arts Plastiques : Pise /(Italie),  Maule / (Chili),  Opole (Pologne), Mayence (Alemagne), Dijon ,La Pommeeaye, Nevers, Angers, Chambery, Semur en Axois , Paris /(France) ,  Ometepe (Nicaragua), Reggio Emilia (Italie).

14716108_1208751019147801_6893637277751564141_n

cosenza-1

 

IL NOME

Anni fa ero un disperato vagabondo, un errante per le strade del mondo, con in tasca una pipa e del buon tabacco Irlandese, non avevo mete e non sapevo quale scopo dare alla mia vita, ne una donna ne un lavoro e tante parole nella testa. In un giorno di questo astratto periodo camminavo per le strade innevate di una Zurigo invernale, la musica di un musicista di strada mi accompagnava lungo le acque del fiume, ed il mio occhio destro stanco per una notte insonne, fu colpito da un libricino, ben aggiustato su di un banchetto di roba usata, ben presto fu nella mia tasca sdrucita e squattrinata, e da allora mi accompagna per i giorni a venire.
Quel giorno dopo averlo messo in tasca, me ne dimenticai, ma la notte dopo lo depositai tra i ricordi e il sapere, nella mia testa e passai un altra ennesima notte insonne. Ricordo bene la notte in cui lessi la  » Storia meravigliosa di Peter Schlemihl  » la luna compiva lentamente la sua orbita e io, nella solitudine della mia stanzetta d’albergo, mi commuovevo alla sorte dell’infelice Peter Schlemihl, povero dolce ragazzo, timido e impacciato nella sua logora giacca nera, disprezzato dagli uomini ignorato dalle donne, e cosi poco accorto da cedere in una giornata di sole la propria ombra all’uomo dall’abito grigio, e riceverne in cambio invece della ricchezza e della felicità, di nuovo incomprensione, solitudine e amarezze.
Ma che cos’è La Meravigliosa storia di Peter Schlemihl ? Uno dei racconti più belli, del romanticismo tedesco un  » Classico  » di quella letteratura.
Il Conte Lous charles Adelaide de Chamisso ne è il suo autore, lui Francese di nascita e Tedesco per scelta, non si sentiva ne l’uno ne l’altro, infatti scriveva difronte a suo fratello morente : » Je suis Francais en Allemagne et Allemant en France  » Un uomo strano questo Chamisso, sempre senza patria, lavoro, e memoria, instancabile raccoglitore di leggende e fiabe popolari tanto da trarre dal Volksmarchen del Diavolo di salamanca, che narra di un diavolo tenta di ghermire un uomo e riesce solo ad impossessarsi della sua ombra, l’ispirazione per il suo Schlemihl.
Schlemihl e poi l’elaborazione dello Shlemiel, una maschera del folklore dell’ebraismo centro-orientale, che rappresenta la figura del maldestro, del candido, dell’inerme che non sa badare a se stesso. Questo risulta anche dalla etimologia della originaria parola Jiddish, Schlimazl, che significa Sfortunato. Chamisso diceva che uno Schlemihl è uno che ha  » pech  » « sfortuna « , uno che non riesce nel mondo, che si rompe il dito nel taschino del panciotto, che cade sulla schiena e si rompe l’osso del naso, arriva sempre fuori tempo « .
IL nostro povero più sfortunato di tutti, Peter, non è altro che l’ignoranza delle regole della vita, quello stato particolare di innocenza. che fa di un uomo, un goffo, un maldestro, che non conosce il mondo che non si spiega le sue regole perchè la sua stessa natura, non è in grado di afferrarle, ed è per questo escluso. (ci sentiamo un po’ cosi anche noi) È per questo motivo e per tutte le vicissitudini che lo colpiscono a causa della sua ingenuità, Lo scambio dell’ombra con il demonio grigio con la borsa di Fortunatus (borsa da cui può trarre oro e argento in quantità infinita) l’impossibilità di conquistare la sua amata a causa di questa mancanza d’ombra, come dirà il padre di lei :’ Anche i cani hanno l’ombra » il tradimento da parte di uno dei sui servi(Rascal), che gli ruberà l’oro per arricchirsi smisuratamente, alle spalle di chi lo ha accolto e salvato, per comprarsi la donna tanto amata dal suo padrone, il conte Peter.
L’uomo in grigio(secco come la cruna di un ago) lo seguirà in eterno per costringerlo ad nuovo scambio, ombra/anima, che Peter rifiuta fino alla morte(Ho sbagliato una volta, non sbaglierò una seconda).
È stata l’impossibilità di impossessarsi del suo destino, di spezzare questa catena di sfortune, che mi hanno fatto amare questa vicenda, che parla di un uomo, un uomo come tanti. Infondo, anche uno dei più importanti poeti moderni « HEINE » si sentiva un escluso un buono a nulla _ : » Non sono più buono a nulla per questo mondo  » e come rappresentare meglio la vita di un uomo che vive ai margini se non con la mancanza di ombra.
Schlemihl conclude la sua vicenda scrivendo : »[.. ] Tu, amico mio, se vuoi vivere tra gli uomini, impara prima a rispettare la tua ombra e poi il denaro. Se però vuoi vivere solo, per la parte migliore di te stesso, allora, non hai bisogno di nessun consiglio « .
Un libro, una storia che non è mai una favola ma un racconto dove tutto il fiabesco ti trascina in un vortice di riflessioni, dove non si può che trarre positività in tanta sfortuna, per questo lo definisco Il LIBRO MAGICO.

Un viaggio, un libro, un libro che in momenti brutti, di dolore e sconforto, mi ha aiutato a sollevarmi di nuovo, mi dicevo: » Peter e più sfortunato di te, forza e coraggio! di nuovo in piedi a combattere!  »

E da questa storia è venuto fuori il nome dei pazzi scatenati de L’ombra di Peter(Peter è proprio lui, Schlemihl! e non Peter Pan, CAZZO!!)

ombradipeter